Ali d’Italia, Ali di Vasto

101_0247Arrivo presso la sala Michelangelo di Palazzo d’Avalos in tarda mattinata per visitare la mostra “Ali d’Italia” a cura dell’Associazione Arma Aeronautica di Vasto.

Appena oltrepassato il portone mi trovo di fronte ad una tuta completa da pilota che, quasi sull’attenti, fa bella mostra di sé.

Sulla sinistra campeggiano le riproduzioni di un caccia AMX e di un cacciabombardiere G91Y e, muovendomi in senso antiorario, mi trovo di fronte ad un tavolo letteralmente ricoperto di modellini d’aereo…..

Continuando nel mio giro mi imbatto in un seggiolino eiettabile, un quadro comandi completo di tutti gli strumenti, un’altra tuta da pilota e, tra i vari equipaggiamenti, la mia attenzione viene attratta da uno “strano aggeggio”: mi viene spiegato che si tratta di un desalinatore capace di rendere potabile l’acqua marina e che, usato in abbinamento ad un canotto gonfiabile come quello che vedo a poca distanza da me, garantisce la sopravvivenza del pilota che eventualmente dovesse lanciarsi dal proprio aereo per cercare la salvezza in mare…..

Sulle pareti della sala dove si svolge l’esposizione, stampe e immagini d’epoca che testimoniano la storia dell’Aeronautica Militare Italiana.

In alto, bene in vista, lo stemma del 32° Stormo.

Dopo aver salutato gli organizzatori varco nuovamente il portone di ingresso, convinto che venire a vedere questa mostra sia stata una buona idea.

Precedente Le Frecce Tricolori a Vasto Successivo A spasso per l'Appia Antica